Segretario                                 logo                                 Folco

Home     Redazione     Msoi Torino     Archivio



Rete 5G: “grande balzo in avanti” per la Cambogia?

Lo scorso 28 aprile, a Pechino, la Cambogia ha siglato un memorandum d’intesa con l’azienda cinese Huawei per il futuro sviluppo del 5G nel paese. In particolare, il colosso cinese e il ministro delle Poste e delle Telecomunicazioni cambogiano hanno discusso un accordo che coinvolge l’operatore telefonico Telecom Cambogia e che prevede l’aumento della velocità della rete mobile e il miglioramento della connettività digitale.

Il 2019 sarà il primo anno dello sviluppo 5G della Cambogia”, ha affermato Huawei in una nota in cui si impegna a collaborare con l’operatore telefonico per “creare un buon ecosistema per lo sviluppo delle nuove reti, e aiutare la Cambogia a diventare un pioniere del 5G nella regione ASEAN”.

Continua a leggere

Patti chiari, amicizia lunga tra Giappone e Unione Europea

Il 25 aprile scorso si è tenuto il vertice UE-Giappone, durante il quale sono state approfondite e discusse diverse questioni, quali il commercio, la cooperazione strategica e i preparativi in vista del G20, che si terrà a fine giugno a Osaka. Il Giappone è stato rappresentato dal primo ministro Shinzō Abe e l’Europa dal presidente del Consiglio europeo Donald Tusk e dal presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker.

Continua a leggere

Il futuro dell’India

Narendra Modi sta concludendo il suo primo mandato di governo. In questi anni, il “guerriero nazionalista indù”, come lo si apostrofa dalle pagine del New York Times, votato a combattere i ‘nemici’ del paese, ha profondamente influenzato la politica nazionale, sotto il segno dell’accentramento del potere federale e della comunicazione politica, concentrati sulla figura del primo ministro.

Continua a leggere

Lancang-Mekong: water governance and Chinese hegemony in the ‘Amazon’ of the East

Between April and June, in the Lancang-Mekong River Delta, 1.6 million hectares of rice fields are sowed by the Vietnamese people. This year, in spite of some preoccupations concerning droughts and saltwater intrusion in certain areas, the agricultural schedule is going to be respected, with help from the Ministry of Agriculture and Rural Development.

This sort of problems will likely augment in proportions, together with a number of related issues, due to the construction of major hydroelectric dams along the river’s main channel and its tributaries. Such facilities have already caused significant socio-ecological changes, that are bound to continue in the decades to come.

The Lancang-Mekong region extends from Tibet, in China, to southern Vietnam and encompasses parts of Myanmar and Thailand, as well as most of the territories of Laos and Cambodia. The basin is also the world’s largest inland freshwater fishery, yielding 13 times more fish each year than all of North America’s rivers and lakes combined. About 60 million people along its course rely for the majority of their protein intake on fish, which they also trade for a living. Furthermore, the area is extremely rich in terms of biodiversity and, for this reason, is often compared to the South American Amazon.

Monsoons determine the river’s hydrology, as between June and November 80% of the river’s total discharge takes place, in a phenomenon dubbed ‘flood pulse’.

According to the development experts Carl Middleton and Jeremy Allouche, by 2008 the dam storage capacity of the total flow of the river was 2%, but with hundreds of project for major and lesser dams underway, the percentage might increase tenfold by 2030.

The delicate balance of  the dry and rainy seasons has for a long time been managed by minor interventions of land and hydro-engineering, like ditches and irrigation channels. The implementation of large hydropower facilities, though, aside from the grave impact on wild fisheries that need water-corridors for migration and spawning, will highly affect sediments deposition and transfer, and therefore the fertility of vast areas, as well as their ecosystem and human livelihoods.

While, in the past, the business has been propelled by international economic institution such as the World Bank and the IMF, together with Asian development banks, the main drivers of the dam-building effort today are investment-seeking national governments, trying to develop energetic potential, and Chinese financial institutions, aiming for profits and regional hegemony. Throughout the years, however, a number of different actors emerged from civil society along the Mekong in order to protest against new dams and to raise awareness about their negative impact. Among others, the manifestations against the Xayaburi Dam and the Pak Mun Dam have been prominent examples of mobilization and captured worldwide attention.

Some governments in the area provided an early endorsement for the concerns of academics, activists, and local communities with the formation, in 1995, of the intergovernmental body of the Mekong River Commission (MRC). Yet, Myanmar and, most importantly, China did not partake, and up to this day the two countries are classified as mere ‘Dialogue Partners’. This resulted in detrimental consequences with respect to the accountability and the bearing of the MRC.

So far, Chinese companies appeared to be more concerned with profiting off their investments, than coming to terms with civil society advocates. Those investments, however, born under the sign of ‘clean’ energy development, as opposed to fossil fuels, are today much more controversial, since, on the one hand, scholars and local communities keep dealing with their externalities and, on the other, China rapidly increases its economic and geopolitical influence worldwide, striving to attain a role of leadership.

It is in this context that Beijing launched, in 2015, a parallel initiative to the MRC, under the name Lancang-Mekong Cooperation Mechanism (LMC). Surrounded by a resurgence of initiatives by other geopolitical actors, China made a move to retain control over hydropower development in mainland South-East Asia. The LMC is part of the Belt and Road Initiative, an immense infrastructural dream of geostrategic and economic expansion, backed by the Asian Infrastructure Investment Bank and brought into the world through the diplomatic enterprise of Xi Jinping’s administration.

Countries once at odds with China’s assertiveness, such as Laos and Cambodia, are slowly turning sides, as they see a flood of investments from the neighbouring superpower.

In the first summit of the LMC, held on April 28, 2016 in the Chinese city of Sanya, under the title “Share the River, Share the Future”, the co-chair Chinese Premier Li Keqiang talked of nearly 100 ‘early harvest’ projects and offered ¥10 billion in concessional loans, $10 billion in credit line,  $300 million for regional cooperation, and $200 million for operations to reduce poverty.
This renewed Chinese interest has certainly earned Xi a privileged position with respect to his geopolitical adversaries in the region, the U.S. and Japan, while somehow captivating the ASEAN with promises to conclude negotiations on the Regional Comprehensive Economic Partnership. And yet, as of today, it is still unclear whether it will also turn out to be a step forward on the sides of consultations, sustainability, and multilateralism.

La Nuova Zelanda e la questione delle armi

Di Natalie Sclippa

“[…] Non siamo immuni ai virus dell’odio, della paura, dell’altro. Non lo siamo mai stati. Ma possiamo essere la nazione che scopre la cura”. Con queste parole, Jacinda Ardern, primo ministro della Nuova Zelanda, a seguito degli attacchi del 15 marzo 2019 alle moschee di Al Noor e Lindwood, ha annunciato la messa al bando con effetto immediato della vendita di armi d’assalto nel paese, invitando anche altri stati a seguirne l’esempio.

Il massacro di Christchurch ha scosso la popolazione neozelandese, riaccendendo i riflettori su una questione delicata: il possesso di armi e il loro potenziamento illegale. Acquistare pistole e fucili in rivendite autorizzate e poi aumentarne la capacità con caricatori comprati online sono pratiche ormai diffuse in tutto il mondo, che però mettono in serio pericolo la sicurezza collettiva. L’autore delle stragi nei due luoghi di culto, un suprematista bianco di 28 anni, Brenton Tarrant, deteneva un’arma regolarmente registrata, che poi avrebbe usato per aprire il fuoco sui fedeli musulmani, riuniti per la preghiera del venerdì, uccidendo 50 persone.

Continua a leggere

Si inaspriscono le condanne previste dal codice penale in Brunei

Mercoledì 3 aprile, il sultano del Brunei ha promulgato un ampliamento del Codice Penale secondo sharia, entrato in vigore nel 2014, che ha inasprito le già previste sanzioni della legge. I cambiamenti introdotti impongono, tra l’altro, la pena di morte per lapidazione e flagellazioni contro atti omosessuali e adulterio, così come l’amputazione per reati come il furto. La legge prevede, inoltre, la fustigazione pubblica come condanna nei confronti dell’aborto; viene altresì considerato reato l’esporre i bambini musulmani a credenze e pratiche diverse dall’islam.

Continua a leggere

Elezioni in Thailandia: prova di democrazia?

Alle ore 11 italiane del 24 marzo, la Thailandia ha chiuso le urne registrando un’affluenza dell’80%. Trattasi delle prime elezioni dal colpo di stato del 2014 – quando il generale Prayuth Chan-o-cha divenne primo ministro – oltreché delle prime in accordo con la Costituzione del 2017, stilata dal Governo dell’ancora presente giunta militare.

In palio i 500 seggi del Parlamento, già dissolto dopo il golpe, scelti attraverso un nuovo sistema elettorale di tipo misto, in base al quale 350 parlamentari saranno eletti con il sistema maggioritario e 150 con quello proporzionale. Affianco alla Camera Bassa ci sarà anche il Senato, composto da 250 membri interamente designati dalle forze militari. Il primo ministro verrà infine eletto tramite il voto di entrambe le camere riunite e non, come avveniva in precedenza, solamente dalla Camera dei Rappresentanti.

Per quanto riguarda gli schieramenti politici, invece, sono due i principali fronti contrapposti: da un lato, ci sono ancora i militaristi filomonarchici che da cinque anni governano il paese, i cosiddetti ‘gialli’, ultraconservatori del Palang Pracharath Party; dall’altro, i ‘rossi’. Questi ultimi appartengono al Pheu Thai Party e sono seguaci dell’ex premier Thaksin Shinawatra, leader che fino al 2011 ha guidato l’ultimo governo civile eletto, poi esautorato ed esiliato dai militari con l’avallo del re. Mentre i primi hanno candidato nuovamente Prayuth Chan-o-cha, i secondi hanno optato per Sudarat Keyuraphan, già ministra in diversi gabinetti con Shinawatra e co-fondatrice del suo primo partito.

I partiti che hanno preso parte alla tornata elettorale in totale sono 77, tra cui è risaltato, in particolare, l’inusuale coinvolgimento attivo di un membro della famiglia reale. Nella nomina del premier, infatti, il Thai Raska Chart Party – allineato con il Partito per i thai – ha candidato la principessa Ubol Ratana, sorella maggiore del re Maha Vajiralongkorn; tale mossa è stata condannata sia dal sovrano stesso – che l’ha definita “incostituzionale” e “inappropriata”, nonché “una sfida alle tradizioni reali” – sia dalla Corte Costituzionale, che ha dunque deciso di sciogliere il partito e di impedire ai suoi dirigenti di partecipare alla politica per dieci anni. In un successivo comunicato reale, come riportato da TRT, è stato poi chiarito che “Il coinvolgimento di un membro di alto rango della famiglia reale in politica è considerato un atto che sfida le tradizioni, i costumi e la cultura della nazione, ed è pertanto considerato estremamente inappropriato”.

Tra i temi affrontati in campagna elettorale spicca quello economico, in relazione alla marcata disuguaglianza all’interno del paese. Già nello scorso dicembre, infatti, Asianews evidenziava che, secondo la società finanziaria Credit Suisse, l’1% della popolazione possiede i due terzi della ricchezza dell’intera Thailandia. Tutti i partiti hanno, dunque, cercato il consenso popolare promettendo aumenti del salario minimo.

In secondo luogo, i principali partiti si sono concentrati sulle relazioni con la Repubblica Popolare Cinese e, in particolare, sulle ricadute della Belt and Road Initiative. A tal proposito, Pechino ha da tempo progettato la costruzione di un canale nell’istmo di Kra, che taglierebbe il sud della Thailandia, creando una scorciatoia vantaggiosa tra Medio Oriente, Golfo Persico ed Europa. Tale progetto permetterebbe alla Cina di riacquistare la sua centralità geopolitica, evitando il passaggio fino a ora obbligato per il lunghissimo stretto di Malacca, che separa la Malesia da Sumatra: di fatto, l’80% delle importazioni cinesi di greggio passa ancora da lì, così come le sue esportazioni verso l’Europa.

Nello specifico, attraverso l’esile via marittima transitano in media 15,2 milioni di barili di petrolio ogni giorno il 40% dei quali cinesi – per un totale di 122.640 navi l’anno. Oltre alla caos logistico, anche i fondali troppo bassi costituiscono un problema per le imponenti petroliere, costrette a passare in quei 4 chilometri di larghezza, con profondità superiore a 21 metri, che si prestano a un elevato rischio di incidenti, pirateria e terrorismo. A vantaggio della Thailandia, invece, la costruzione del canale di Kra rafforzerebbe la sicurezza nazionale, promuovendo lo sviluppo del meridione e permettendo al paese – grazie ai finanziamenti cinesi – di inserirsi finalmente nei traffici della comunità internazionale.

Nondimeno, secondo l’indagine sul voto della Open Forum for Democracy Foundation (P-Net), i cittadini thailandesi non sarebbero stati davvero liberi di esprimere la propria opinione. La Commissione Elettorale sarebbe infatti responsabile per una serie di inadempienze, non avendo organizzando una piattaforma per il voto d’oltremare, formato a dovere i suoi membri – privi di esperienza – o predisposto degli osservatori durante la votazione per controllarne il regolare svolgimento. Secondo il P-Net, la Commissione sarebbe stataincompetente nell’organizzazione di elezioni efficienti.

Un rapporto del The Asian Network for Free Elections (ANFREL), dal titolo International Election Observation Mission, sottolinea inoltre come il processo elettorale abbia mostrato “evidenti falle democratiche”. “I cittadini sono stati liberi di votare, ma le loro scelte talmente limitate dalla manipolazione del regolamento che anche tale libertà è risultata ridotta”, come comunicato alla CNN da Thitinan Pongsudhirak, direttore dell’Institute of Security and International Studies all’Università di Chulalongkorn.

I risultati, tuttavia, non sono ancora chiari e, anzi, l’annuncio ufficiale continua a essere ritardato, alimentando così un clima di confusione già prevalente nel paese. Lo scorso lunedì sera, per esempio, Thaksin Shinawatra, dalle pagine del New York Times, ha persino accusato il governo militare di aver manipolato i sondaggi, e la Commissione Elettorale di “interferire con il lavoro di quelle che si suppone siano agenzie e istituzioni indipendenti”.

A conti fatti, al Palang Pracharath Party mancherebbero solo altri 126 voti al Parlamento per raggiungere la maggioranza assoluta nell’elezione congiunta del primo ministro (376 voti su 750), dato che l’assegnazione attuale dei seggi non sembra aver segnato un risvolto positivo a favore della democrazia. Non avendo a disposizione i 250 voti del Senato, l’eventuale coalizione del Pheu Thai dovrà ottenere il 75% dei consensi tra i deputati (376 seggi) per escludere completamente Prayuth dalla carica di premier e nominarne uno proprio. A tal fine, sarà necessario il sostegno dei numerosi altri piccoli partiti in lizza. Tuttavia, una vittoria schiacciante dell’opposizione potrebbe condizionare l’iter parlamentare e forzare il cambio di alcune norme costituzionali pro-militari, in accordo con quanto richiesto dalle opposizioni.

Come già anticipato, l’annuncio degli outcomers è stato ripetutamente ritardato e infine fissato al 29 marzo. A oggi, la Commissione ha annunciato che, preliminarmente, il Pheu Thai Party ha ottenuto il 38,57% dei voti, aggiudicandosi 135 seggi, mentre il Palang Pracharath Party può vantare il 28% dei voti, con 98 seggi. (Bangkokpost) Nei prossimi 60 giorni i risultati finali dovranno essere confermati e, di fatto, il primo ministro potrebbe non essere eletto fino alla metà di maggio.

Italy’s role in China’s Belt and Road Initiative

The Belt and Road Initiative (BRI), also known as the ‘New Silk Roads’, is an ambitious project officially announced by the Chinese Government in 2013, with the intent of improving regional cooperation and connectivity on a trans-continental scale. The initiative aims at strengthening infrastructure, trade, and investment links between China and more than 60 other countries throughout Eurasia.

A focal point in the Chinese project is the Italian support to it, as the Bel Paese became the first G7 nation to sign up for China’s Belt and Road plan: “It would have been a bit eccentric not to take part in this important infrastructure project that recalls the Silk Road, whose Italy is the natural landing place”, claimed Italy’s Prime Minister Giuseppe Conte.

Xi Jinping’s visit to Italy started from Rome on the 21st of March, where, due to his arrival, a silent army made up of thousands of men trained to face any major threat had been deployed, and ended last Sunday in Palermo, as Xi Jinping promised a strong development of the touristic sector to the city.

Continua a leggere