Segretario                                 logo                                 Folco

Home     Redazione     Msoi Torino     Archivio



L’ascesa della senatrice Kamale Harris alla Casa Bianca Dopo il successo nel settore giudiziario Kamala Harris punta alla presidenza degli Stati Uniti

La Senatrice democratica Kamala Harris ha dato avvio ufficialmente alla campagna presidenziale in vista delle elezioni di novembre 2020.

Ad accogliere il suo debutto nella piazza del municipio di Oakland (CA) è stata stimata una folla di oltre 20.000 persone e, secondo la CNN, si è trattato del discorso mono-candidato di apertura di campagna più seguito della storia della televisione. Un indice di ascolti così elevato potrebbe essere il risultato del suo rigore tenuto durante la permanenza nelle forze dell’ordine.

Infatti, dopo aver conseguito una laurea in Giurisprudenza all’Hastings College, la giovane Harris diede avvio alla propria carriera da Vice Procuratore Distrettuale e riuscì a farsi notare grazie alla sua intransigenza su casi di violenza organizzata, traffico di droga, e abusi sessuali.

Nel 2004 venne nominata Procuratore Distrettuale di San Francisco e, in breve tempo, il tasso delle condanne processuali per reati gravi, o anche solo per infrazioni minori, raddoppiò. Nel 2010, con la nomina a Procuratore Generale della California – la carica giudiziaria più alta dello Stato – difese cause di rilevanza nazionale e si battè per i diritti civili di milioni di statunitensi.

Continua a leggere

USA, con il ritiro dalla Siria a rischio la posizione dei Curdi Trump minaccia di distruggere l'economia turca se Ankara attaccherà le Forze Democratiche Siriane

Il ritiro delle truppe americane presenti in Siria, annunciato lo scorso 19 dicembre da Donald Trump, ha sconvolto l’amministrazione di Washington. Il segretario alla Difesa Jim Mattis, contrario all’iniziativa, ha dato le dimissioni. Dal punto di vista delle relazioni internazionali la scelta del Presidente degli Stati Uniti accresce, da un lato, il ruolo della Russia e della Turchia nella futura definitiva risoluzione della crisi. Dall’altro, rischia di minare la credibilità degli Usa come partner militare.

Per quanto riguarda quest’ultimo punto tutto verte sulla delicata questione dei curdi, che negli anni hanno giocato un ruolo fondamentale nel sottrarre territori al sedicente Stato Islamico nella Siria nord-orientale. Durante la guerra civile che ha devastato il Paese, gli Stati Uniti hanno creato il Counter-Islamic State of Iraq and Syria Train and Equip Fund (CTEF), un fondo destinato a finanziare le formazioni anti-Daesh in Medio Oriente. Grazie a questo hanno sostenuto con armi e addestramento le Forze Democratiche Siriane, composte all’80% da curdi dell’Ypg (Unità di protezione del Popolo). Nel febbraio 2018 gli americani hanno anche bombardato le forze filo-Assad, ree di aver appunto attaccato postazioni delle Fds.

L’Ypg è però ideologicamente contiguo al Pkk (Partito dei Lavoratori del Kurdistan), formazione turca considerata terrorista da Ankara. Per questo, e soprattutto per evitare la nascita di un’entità statuale curda ai propri confini meridionali, già nell’agosto del 2016 la Turchia ha attaccato le postazioni delle Fds a Manbij. Lo Stato della penisola anatolica ha poi condotto un’operazione su più vasta scala nel gennaio del 2018, col fine di sottrarre ai curdi il controllo della città di Afrin.

Continua a leggere

Il Canada accoglierà un milione di immigrati entro il 2021 Una decisione volta a rendere l’economia del Paese più competitiva sulla scena globale

Il parlamento canadese ha annunciato la decisione di accogliere un milione di immigrati entro il 2021: un obiettivo ambizioso, presentato dal ministro dell’immigrazione Ahmed Hussen nel piano triennale del governo.

Oltre 286.000 immigrati sono stati accolti in Canada nel 2017 e, secondo i piani dell’attuale governo canadese, i nuovi ingressi saranno suddivisi in frange annuali da 350.000 immigrati per il 2019, 360.000 per il 2020 e 370.000 per il 2021. Queste cifre corrispondono a un ingresso annuale pari all’1% della popolazione del Paese. “Gli ingressi graduali permetteranno al nostro sistema di processare questi cambiamenti, cosicché le comunità possano integrarli e le partnership locali sull’immigrazione possano fare il proprio lavoro ha dichiarato Hussen.

Ahmed Hussen, egli stesso immigrato dalla Somalia, ha sottolineato come tale decisione sia stata presa alla luce del calo del tasso di natalità e dell’invecchiamento della popolazione canadese. Secondo i dati ufficiali, i livelli di natalità degli immigrati sono 4 volte più alti rispetto a quelli dei canadesi e contribuiscono ai tre quarti della crescita demografica totale.

Gli immigrati che il Canada si prepara ad accogliere saranno così suddivisi: il 58% sarà riservato ai migranti economici, il 27% sarà destinato ai ricongiungimenti familiari e, infine, il 14% sarà rivolto ai rifugiati e ai richiedenti asilo. Si tratterebbe, dunque, in maggioranza, di “skilled migrants”, persone istruite e pronte a essere inserite nel tessuto lavorativo del Paese. Continua a leggere

The Shutdown Le divergenti posizioni politiche sull’immigrazione paralizzano le attività federali statunitensi

I promised I would fix this crisis, and I intend to keep that promise one way or the other. Con queste parole, il presidente Donald Trump ha voluto rimarcare la propria risolutezza in merito allo sconvolgimento politico protagonista della cronaca nordamericana dell’ultimo mese. Immersi in una parziale, ma prolungata, paralisi, gli Stati Uniti continuano, infatti, a subire le inevitabili conseguenze generate dallo shutdown più lungo della storia degli Stati Uniti.

Manifestazione della mancata approvazione, da parte del Congresso, del bilancio relativo ai fondi destinati alle attività federali, lo shutdown continua a produrre le proprie conseguenze da più di un mese, generando, dallo scorso 22 dicembre, un’inevitabile incertezza politica ed economica in tutto il Paese. Un quarto delle attività federali statunitensi è, infatti, rimasto bloccato per mancanza di fondi, con successiva sospensione delle attività dei dipendenti e delle loro retribuzioni.

A causare l’attuale stallo, l’ennesimo snodo di discordia sul tema dell’immigrazione. In particolare, il diniego alla richiesta di un finanziamento del valore di 5,7 miliardi di dollari, avanzata dal Presidente per affrontare la costruzione del muro di confine tra Stati Uniti e Messico, sembrerebbe aver portato al punto di rottura tra Trump e l’opposizione. I democratici, disposti a incrementare i finanziamenti destinati alla sicurezza dei confini escludendo, tuttavia, la previsione di fondi a vantaggio della barriera con il Messico, sono, infatti, intenzionati a non cedere alle pretese del Presidente, continuando a considerare l’opera “inutile e costosa”. Continua a leggere

Stati Uniti-Corea del Nord: il 2019 inizia all’insegna dell’incertezza Kim Jong-Un ha lanciato messaggi contrastanti, tra distensione e un nuovo raffreddamento

Se il 2018 si era chiuso con una apparente distensione nei rapporti tra gli Stati Uniti e la Corea del Nord, il 2019 si apre con nubi all’orizzonte.

 

Nel messaggio di fine anno ai nordcoreani, Kim Jongun ha lanciato segnali contrastanti. Da un lato, si è infatti detto disponibile a incontrare di nuovo Donald Trump in qualsiasi momento, al fine di raggiungere risultati che ottengano il placet della comunità internazionale. Il leader della Corea del Nord sembra così voler proseguire sulla via del dialogo con gli Stati Uniti, culminata nel summit di Singapore del 12 giugno 2018. Così facendo, ha risposto, inoltre, alla sollecitazione a un nuovo incontro con Trump, arrivata il 24 dicembre 2018 dal profilo Twitter dello stesso presidente statunitense.

Dall’altro lato, tuttavia, ha specificato che se gli Stati Uniti non interromperanno il regime sanzionatorio, la Corea del Nord si vedrà costretta a cercare un nuovo percorso per proteggere la sovranità, gli interessi e la pace dello Stato e dell’intera penisola coreana. Il che, verosimilmente, significherebbe un ritorno alla strada del nucleare.

Continua a leggere

Mike Pompeo all’insediamento di Jair Bolsonaro Il Segretario di Stato e il nuovo presidente brasiliano aprono un nuovo canale diplomatico

Il 31 dicembre 2018, Michael Richard Pompeo, Segretario di Stato statunitense e braccio destro del presidente Donald Trump, è decollato dall’aeroporto di Washington su un volo diretto a Brasilia per guidare una delegazione alla cerimonia di insediamento del neoeletto presidente del Brasile, Jair Bolsonaro, programmata per il primo gennaio 2019.

La partecipazione della delegazione presidenziale era finalizzata a mostrare il pieno sostegno al progetto politico della nuova leadership brasiliana, che sembra allinearsi alla perfezione a quella dell’amministrazione Trump, dallo scetticismo per il cambiamento climatico alla preoccupazione per i crescenti investimenti della Cina.

Per di più, la visita in Brasile è indicativa dello sforzo volto a promuovere un futuro più sicuro e favorevole per gli Stati Uniti in America del Sud; difatti, all’inaugurazione presidenziale sono seguiti il colloquio a Palàcio do Planalto tra Pompeo e Bolsonaro, accompagnato dal suo ministro degli Affari Esteri Ernesto Araùjo.

A dare avvio al confronto è stata la discussione afferente alla necessità di inquadrare le priorità economiche, commerciali, e finanziarie bilaterali, per rinsaldare ulteriormente la cooperazione tra i due Paesi negli anni a venire. In fase di conclusione è stato dato ampio spazio agli affari regionali e internazionali: l’attenzione del presidente brasiliano e del Segretario di Stato è stata convogliata sulla presenza incalzante della Cina nella regione, nella quale, dal 2003, ha investito complessivamente 124 miliardi di dollari. I crescenti versamenti di denaro cinesi sono stati interpretati da entrambe le amministrazioni come una pratica predatoria e lesiva della sovranità del Brasile.

Continua a leggere

Nuove tensioni tra Canada e Cina Il caso Huawei, fonte dell'attuale crisi diplomatica

In occasione della consueta conferenza stampa di fine anno, svoltasi a Ottawa lo scorso 19 dicembre, il primo ministro Justin Trudeau ha guidato i cittadini canadesi tra gli eventi che hanno recentemente condotto il Paese al centro della scena politica internazionale, fornendo una chiara panoramica del turbolento e vivace anno trascorso. Il premier canadese si è, così, espresso su alcune cruciali tematiche del momento, rendendo protagoniste del proprio discorso le lotte politiche interne, le crisi diplomatiche e le nuove guerre commerciali.

Passati in rassegna i traguardi raggiunti dal proprio governo, si sono, successivamente, resi inevitabili i riferimenti ai fatti più controversi dell’anno. In risposta alle domande dei giornalisti presenti, Justin Trudeau ha, infatti, commentato alcuni episodi cruciali della politica interna e interazionale. In particolare, ha preso atto del grande, quanto prevedibile, clamore generato dall’attuale instabilità delle relazioni con la Cina.

A partire dal 1° dicembre, infatti, lo scontro tra i due Paesi non mostra segni di attenuazione.  Arrestata a Vancouver su richiesta degli Stati Uniti e successivamente rilasciata su cauzione, Meng Wanzhou, CFO del colosso della telefonia cinese Huawei, è diventata il simbolo della disputa in corso. Accusata dagli Stati Uniti di violazione delle sanzioni imposte contro l’Iran e di attività illecite ai danni della sicurezza nazionale degli Stati Uniti”, Lady Huawei è attualmente sottoposta all’obbligo di non lasciare il territorio canadese, dove il prossimo 6 febbraio dovrebbe svolgersi il processo per la sua estradizione negli Stati Uniti.

Continua a leggere

It’s time to bring our great young people home President Donald Trump announces on Twitter the withdrawal of U.S. troops after historic victories against Daesh

Trump’s statements arrive after the years-long presence of United States’ troops in Syria, which began in late 2015. At that time, American troops landed in Syria with a small contingent of Special Operations forces, with the intent of trying to form alliances with local militias and rebel groups that could help in the fight against the self-proclaimed Islamic State’s forces before starting the actual ground-war phase.

Years after, nearly all the territory that ISIS militias had captured, throughout eastern Syria and northern Iraq, has been recaptured by local forces, many of whom were helped by American or other foreign troops. This is probably what has led President Trump to come up with the plan of the withdrawal of over 2,000 US troops that are still deployed in Syria.

Trump’s decision caused strong reactions around the globe, starting from his own party and ending in Defense Secretary James Mattis’ resignation, which came a day after Trump’s decision, through a letter that was hand-delivered to the Commander in Chief, on December the 20th.

Continua a leggere

Barr è il nuovo ministro della Giustizia e Nauert l’Ambasciatrice ONU L’ex giornalista sostituirà Nikki Haley, mentre Barr dovrà essere confermato dal Senato

Il presidente Donald Trump ha annunciato due nuove nomine negli alti gradi della sua amministrazione: William Barr, nuovo ministro della Giustizia, prenderà il posto di Jeff Sessions; Heather Nauert, ambasciatrice all’ONU, al posto di Nikki Haley che lascerà la poltrona a fine anno.

Decisioni che non sono state esenti di critiche e dubbi. La nomina di Nauert, in particolar modo, ha suscitato delle perplessità legate alla sua scarsa formazione politica. Ex-giornalista di Fox News e conduttrice di uno dei programmi preferiti del Presidente, “Fox and Friends”, nell’aprile 2017 è stata nominata portavoce del Dipartimento di Stato. Continua a leggere

La nuova politica regionale artica degli Stati Uniti La minaccia di Russia e Cina nell’Artico preoccupa gli Stati Uniti

Di Nicolas Drago

Il Woodrow Wilson Center, polo scientifico di eccellenza di Washington, ha ospitato nei primi giorni di dicembre il Symposium on the Artic and U.S. National Security del Polar Institute.

Il dialogo ha messo a confronto le più influenti personalità del mondo politico, militare e scientifico statunitensi in termini di salvaguardia della sicurezza e degli interessi nazionali nell’Artico e ha trovato, in conclusione, tutti d’accordo sulla necessità di ottimizzare una linea strategica in risposta alla minaccia dell’espansionismo sino-russo nella regione. Continua a leggere