Segretario                                 logo                                 Folco

Home     Redazione     Msoi Torino     Archivio



Mugabe: eroe nazionale o dittatore?

Il 6 settembre 2019, a Singapore (presso una clinica privata), è morto Robert Gabriel Mugabe, una delle personalità politiche più influenti della storia dell’Africa post-coloniale.

Si conclude così un ciclo lungo 40 anni in cui l’ex presidente, il quale viene ricordato anche per essersi ampiamente battuto per i diritti dei neri contro la discriminazione razziale dei bianchi, è riuscito prima a conquistare il potere e poi a trasformare lo Zimbabwe in uno stato a partito unico di stampo socialista, impedendo la transizione democratica che la popolazione sperava di ottenere dopo l’indipendenza.

Nel 1980, infatti, con la nascita dello Zimbabwe come stato indipendente (precedentemente Rhodesia Meridionale), Mugabe ottenne il suo primo incarico ufficiale come primo ministro del Governo del capo di stato Canaan Banana. Dopo 7 anni in carica, successe a quest’ultimo. L’obiettivo delle politiche di Mugabe era finalizzato a costituire un nuovo Zimbabwe, in cui la maggioranza nera contasse in quanto tale. Nel paese che si avviava a diventare uno stato socialista, infatti, la minoranza bianca esercitava ancora una forte influenza, in quanto fortemente presente in ruoli dirigenziali strategici. Se, da un lato, la lotta per i diritti dei neri andava a marcia spedita, dall’altro il regime di Mugabe acquisiva col tempo tratti autocratici, non mantenendo così le speranze post-coloniali, promosse dai paesi occidentali, di una transizione democratica.

Nel primo decennio del proprio incarico, lo Zimbabwe ottenne la nomea di ‘Svizzera dell’Africa’, grazie ad accordi con vari investitori e alla realizzazione di politiche socialiste che permisero il raggiungimento di una discreta soddisfazione economica e sociale. D’altro canto, però, una caratteristica che ha fortemente contraddistinto il mandato di Mugabe è stata la persistente accusa di corruzione. Più volte gli osservatori internazionali hanno esternato il sospetto di brogli elettorali e di elezioni manipolate. La figura di Mugabe è dunque passata da quella di un leader, o meglio un’icona, del movimento anticoloniale capo del partito politico Zimbabwe African National Union (ZANU), a quella di un capo assuefatto dal potere e restio a cederlo. Così facendo, Mugabe ha altresì danneggiato la propria immagine e quella di un paese che lottava contro l’apartheid.

La carriera di Mugabe come capo del regime è terminata nel novembre 2017, a seguito di un colpo di stato, sostenuto dai militari, che ha deposto l’ultranovantenne presidente a favore di Emmerson Mangangwa. Quest’ultimo, dopo un periodo di transizione, ha ottenuto la vittoria nelle successive elezioni presidenziali con il 50,4% dei voti, divenendo così il terzo presidente nella storia dello Zimbabwe.

Ad oggi, si può osservare come Mugabe abbia ottenuto ciò per cui aveva fin dal principio lottato: una maggioranza nera che fosse padrona di se stessa e possidente di quei diritti che le erano stati riconosciuti con una minoranza bianca al potere. Tuttavia, a discapito degli obiettivi raggiunti sul piano politico, dal lato economico l’ormai ex presidente contribuì in prima persona alla profonda e prolungata crisi economica in cui sprofondò il paese. Durante il processo di transizione democratica dello Zimbabwe, tramite violazioni dei diritti umani, la nazionalizzazione dei terreni agricoli a partire dal luglio 2000, l’appropriazione degli aiuti internazionale, Mugabe innescò un processo che condusse lo Zimbabwe incontro ad un collasso economico senza precedenti, lasciando in eredità ai suoi concittadini una situazione di iperinflazione.

Se si può dibattere sulla figura politica di Mugabe, sopravvissuta per 37 anni, è indubbio che lo Zimbabwe abbia perduto uno dei personaggi più importanti della propria storia. Dopo la sua morte, è stato proclamato il lutto nazionale, seguito dalla ‘beatificazione’ dell’ex-leader.

Quanto allo Zimbabwe, dopo il soft coup d’état del luglio 2017, è difficile attendersi un radicale cambiamento. L’attuale élite politica è fortemente legata al recente passato e difficilmente vorrà abbandonarlo per allinearsi ad un sistema basato sui criteri delle democrazie occidentali o verosimilmente a società proto-democratiche.

Sudan uprising

The International Crisis Group defined what is happening in Sudan as the most sustained protest movement in Sudan’s modern history. Starting from December 2018, Sudanese people have massively protested for months. Initially, with the aim of overthrowing the 30-years-long dictatorship of Omar al-Bashir.

Once fulfilled their ambition, their demonstrations continued; this time against the military council, who took power after having ousted al-Bashir and refused to transfer it to a civilian-led government. With the help of international mediators, protesters and the army seem to have finally reached an agreement, paving the way for Sudan to become a democracy.

Protests began more than eight months ago, triggered by a rise in the cost of bread and fuel. After starting in the provinces, demonstrations quickly spread across the country, fueled by a general discontent over the economic crisis.

Day after day, the peaceful demonstrations were gaining momentum as all the different segments of society joined the movement. While farmers and shepherds were marching in rural areas, the middle class was walking down the streets of the capital Khartoum, led by the Sudanese Professionals Association (SPA). The New York Times regards this “semi-secret alliance of doctors, lawyers, journalists, engineers and teachers” as the actual leader of the revolution, able to organize and consolidate a “coherent movement“.

Women are also playing a pivotal role in enhancing the revolution, accounting for two-thirds of the protesters. In spite of their differences, all Sudanese people gathered together in a united revolutionary front called Forces for Freedom and Change (FFC), with one single goal: get rid of the long-lasting dictator Omar al-Bashir.

Despite being accused by the International Criminal Court for genocide, crimes against humanity and war crimes, the army commander Omar al-Bashir had remained in power for 30 years after the 1989 military coup, facilitated by the civil war. When this domestic conflict ended in 2005 with the secession of South Sudan, al-Bashir was facing a new crisis in the Darfur region. The atrocities ordered against the rebels “left between 200,000 and 300,000 people dead and 2.7 million displaced”. Eventually, under relentless pressure from the civil society, the security forces betrayed their leader and overthrew him on 11 April 2019.

After the initial excitement for the deposition of the cruel dictator, protesters plunged into anguish again as they felt as if “They just replaced one thief with another”. In fact, the newborn Transitional Military Council showed no intention to hand over power to a civilian-led government, struggling to reach an accommodation with the FFC. Consequently, demonstrations not only continued but grew in participants and intensity. On June 3, the security forces fired against a peaceful sit-in in Khartoum, leaving 118 people dead and many more wounded.

It is widely agreed that Gen. Mohamed Hamdan, known as Hemeti, should be held accountable for the violence. Regarded as the real leader of the military junta, Hemeti is the head of the Rapid Support Forces, a branch of the Sudanese security forces accused of perpetrating the horrific crimes ordered by al-Bashir in Darfur. Protesters believe that the violent crackdown was encouraged by Egypt, Saudi Arabia, and the United Arab Emirates, who support Hemeti to rule the country.

A wave of international condemnations and strong indignation followed the bloody crackdown. Both the UN Secretary General Antonio Guterres and the High Commissioner for Human Rights Michelle Bachelet deplored the violence, while Amnesty International’s Secretary General Kumi Naidoo launched a petition to stop the attacks.

On its part, the African Union decided to suspend Sudan’s membership while sending mediators to the country in order to start a “facilitation process” to “support the Sudanese people resolve the crisis in Sudan“, alongside the Ethiopian Prime Minister. Eventually, these joint efforts resulted in the signature of an agreement between the pro-democracy protesters and the ruling military on July 17. 

According to this power-sharing deal, a sovereign council composed of six civilians and five army generals will be in place for three years and three months, until the holding of “free and fair elections”. This transition committee will be chaired by an appointed army member for the first half term, and by a civilian for the second one. Furthermore, the FFC will set up a cabinet of ministers; afterward, a legislative council will be established. The most controversial point of this deal is “the launch [of] a transparent and independent investigation” into the events of the third of June. The probe, which has found that three RSF officers acted in violation of the orders, exonerating Hemeti from all responsibility while lowering the death toll to 87, has already been rejected by the democratic forces. Despite persistent civilian protests, the negotiation process continues and a constitutional declaration has been agreed in the last few days.
Signs of division between the two sides are already visible. Only time will tell if this settlement is durable and a democratic Sudan will finally be born.

Elezioni europee: l’Africa con il fiato sospeso

La scorsa settimana, 400 milioni di cittadini europei sono stati chiamati alle urne per decidere della composizione del Parlamento europeo (PE), il cui mandato durerà fino al 2024. Con un’affluenza intorno al 51% degli aventi diritto, la più alta degli ultimi vent’anni, le elezioni europee 2019 hanno visto confermarsi ai primi posti (a livello aggregato) il Partito Popolare e, subito a seguire, i Socialisti e Democratici.

Durante le ultime settimane di campagna elettorale, le più contraddittorie della storia europea, il mondo è rimasto in attesa, col fiato sospeso. Tra i partner commerciali e politici dell’Unione, il mondo africano è stato sicuramente quello più attento, conscio dell’opportunità o del rischio che si sarebbero potuti presentare.

Continua a leggere

Nairobi ospita la quarta sessione della UN Environment Assembly

Lo scorso marzo si è tenuta a Nairobi la quarta sessione della United Nations Environment Assembly (UNEA), ossia la riunione del più alto organo decisionale al mondo in materia di ambiente. Il suo compito è individuare le sfide che oggi il pianeta si trova ad affrontare, per proporre soluzioni volte alla protezione e riabilitazione dell’ambiente, in armonia con quanto previsto dall’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile.

Continua a leggere