Segretario                                 logo                                 Folco

Home     Redazione     Msoi Torino     Archivio



Fervore a Buenos Aires L’Argentina si prepara al G20 di venerdì 30 novembre e sabato 1 dicembre

Buenos Aires ospiterà questo venerdì e sabato il tredicesimo G20.

In questa occasione, le autorità argentine dovranno risolvere diversi problemi, tra cui la messa in sicurezza della Capitale; secondo le previsioni, infatti, dei cortei di protesta inizieranno la sera del giovedì e non finiranno prima di domenica.

È stato perciò ordinato che i negozi rimangano serrati durante tutta la durata del G20 e che i distretti commerciali centrali vengano chiusi al pubblico: l’Amministrazione non ha trovato altro e misure per far fronte ai manifestanti. Il Ministro della Sicurezza nazionale, Patricia Bullrich, in un’intervista televisiva, ha consigliato ai cittadini di Buenos Aires, di approfittare del weekend lungo per farsi una vacanza fuori dalla città con la famiglia; aggiungendo poi che Buenos Aires è pronta ad assicurare la pace con 22.000 unità tra ufficiali di polizia e altre forze di pubblica sicurezza.

Continua a leggere

El Chapo in giudizio negli Stati Uniti L’estradizione potrebbe aver avuto un risvolto politico

Questo martedì ha avuto inizio a New York il processo a Joaquín Guzmán Loera, più noto con il soprannome di El Chapo, parola che nel gergo messicano indica un “piccoletto”. Ma a discapito del nomignolo rasserenante, è noto in tutto il mondo per i processi che lo hanno visto sul banco degli imputati con l’accusa di gestire il narcotraffico tra Messico e Stati Uniti, nonché per le sue ripetute evasioni dalle carceri messicane. Ora, negli Stati Uniti, dovrà difendersi da 17 diversi capi d’accusa (collegati alle 155 tonnellate di cocaina che avrebbe trasportato oltre il confine), davanti alla Corte federale di Brooklyn.

L’estradizione di El Chapo dal Messico agli USA avvenuta l’anno scorso nascondeva un contenuto politico: è stata infatti concessa il 20 gennaio 2017, il giorno in cui Trump assunse la presidenza, giusto qualche ora prima che Barack Obama lasciasse l’incarico. Continua a leggere

America Latina: 7 giorni in 300 parole

ARGENTINA

5 novembre. Il deputato Alfredo Olmedo, omofobo, di estrema destra, dichiaratosi fedelissimo alla Chiesa evangelica e accusato di sfruttamento del lavoro e di schiavismo, ha stupito i giornali affermando che “l’errore di Videla con i desaparecidos fu di lasciarli senza nome”. Non si tratterebbe della prima dichiarazione di questo tenore. Dalla candidatura di Bolsonaro, il suo obiettivo si è concentrato nel guadagnarsi una fortuna politica diventando l’omologo argentino del leader brasiliano. Continua a leggere

America Latina: 7 giorni in 300 parole

ARGENTINA – CILE

20 ottobre. Il popolo Mapuche ha fatto sentire la propria voce nella sede dell’ONU di Ginevra, dichiarando di “parlare a nome di tutti i popoli aborigeni americani che spesso hanno ancora meno voce di loro”. I rappresentanti del popolo Mapuche hanno ricercato, in ambito internazionale, quella risonanza che non hanno mai avuto in Cile e Argentina, luoghi nei quali risiedono. L’obiettivo è porre un freno “all’estrattivismo” e alla monocoltura delle imprese cilene che, con la compiacenza del governo, si sono appropriate e continuano ad appropriarsi delle loro terre originarie. Continua a leggere

Grazia revocata a Fujimori L’ex Presidente potrebbe essere incarcerato per crimini contro l’umanità

La libertà personale dell’ottuagenario Alberto Fujimori sembra avvicinarsi al capolinea.

All’ex Presidente peruviano era stato concesso l’indulto alla fine del 2017 dall’allora presidente Pedro Pablo Kuczynski, dando luogo a numerose polemiche in ambito nazionale e internazionale. In questo modo, infatti, evitava la pena per crimini contro l’umanità cui era stato condannato nel 2009.

Fujimori era stato condannato a 25 anni di detenzione in quanto mandante delle stragi di Barrios Altos (1991) e La Cantuta (1992), in cui morirono 25 persone per mano del corpo militare segreto Colina, che rispondeva ai vertici delle Forze Armate peruviane, nonché dei sequestri di un imprenditore e di un giornalista. La sentenza di annullamento della grazia, emessa in prima istanza dal giudice Hugo Núñez della Corte suprema del Perù, accoglie l’istanza dei familiari delle vittime. Continua a leggere

America Latina: 7 giorni in 300 parole

BRASILE

3 ottobre. Bolsonaro ha ricevuto un appoggio dai mercati nella fase finale della campagna elettorale.  La borsa di San Paolo ha, infatti, raggiunto il picco del 4%. Ciò può essere dovuto alla promessa di nomina di Paulo Guedes come ministro dell’Economia, professore formato nella tradizione della Scuola di Chicago, il quale ha promesso una privatizzazione delle imprese pubbliche. Un cambio di rotta che stupisce, dal momento che i diversi settori imprenditoriali avevano appoggiato il candidato Geraldo Alckmin, del Partito Social Democratico Brasiliano.

CILE

5 ottobre. Il presidente Sebastián Piñera inizia il suo primo “tour internazionale in Europa. Si estenderà per 9 giorni e avrà come meta finale, il 13 ottobre, il Vaticano. Il ministro portavoce del governo, Cecilia Pérez, ha spiegato che l’obiettivo sarà quello di “incontrare i diversi leader mondiali, soprattutto per cercare alleanze, come è avvenuto con gli USA, che diano impulso e riattivino l’economia e che possano creare nuovi e migliori posti di lavoro”. Infatti, durante tutte le tappe del viaggio, il Presidente sarà accompagnato da una delegazione di imprenditori.

Continua a leggere

Presidenziali in Brasile: il ruolo dell’esercito Il candidato Jair Bolsonaro incontra il favore dei militari e della popolazione

Secondo un sondaggio pubblicato da Datafolha a giugno, in Brasile le Forze Armate sono l’istituzione con il più alto indice di fiducia (78%). La Presidenza, attualmente esercitata da Michel Temer, il Congresso e i partiti politici, al contrario, incontrano la sfiducia del 60% dei brasiliani.

Forte dei consensi, il candidato vicepresidente dell’estremista di destra Jair Bolsonaro, un generale in pensione di nome Antonio Hamilton Mourao, ha dichiarato: “Se fossi antidemocratico, non starei partecipando alle elezioni, ma starei con la mia 45 (ndr. riferimento a un’arma da fuoco), pulendola bene e aspettando giorni migliori”. La settimana scorsa, Mourao ha ironizzato sui diritti umani: “i diritti umani sono per gli uomini retti“, mentre Bolsonaro, con meno giochi di parole, ha elogiato un torturatore del regime militare e ha promesso che avrebbe scelto sei militari nel Gabinetto di Governo e promosso una legge per agevolare il porto d’armi.

Continua a leggere

Austerity argentina

Lunedì 3 settembre scorso gli argentini non hanno ricevuto notizie rassicuranti. Il presidente Mauricio Macrì si è rivolto direttamente ai concittadini informandoli sul futuro economico del Paese. Secondo il Presidente, per evitare che il Paese segua le orme del Venezuela “occorre imboccare una strada divergente rispetto a quella tradizionale”. L’alternativa di Macrì sta nell’aumento della pressione fiscale e il taglio degli sprechi’.

L’obiettivo dichiarato è contenere il deficit e recuperare al più presto la fiducia dei mercati.

Più concretamente, gli esportatori si vedranno gravati da un tributo addizionale. Continua a leggere

Il Venezuela importa moneta dal Brasile Il clima politico è mutato, ma il Brasile si tiene strette le relazioni commerciali

Quest’anno il Brasile ha iniziato a esportare un prodotto fortemente richiesto dal Venezuela: denaro contante. La Casa da Moeda do Brasil (CMB) sta stampando Bolivar (la moneta del Paese vicino). La domanda è grande a causa dell’iperinflazione in cui imperversa il Venezuela: secondo le stime del Fondo Monetario Internazionale (FMI), quest’anno potrebbe arrivare al 1.000.000%.

Continua a leggere

Tra pace e giustizia in Colombia Il Presidente ha promesso di apportare cambiamenti strutturali all’Accordo di pace con le FARC

Le elezioni presidenziali colombiane si sono finalmente concluse con la vittoria, al ballottaggio, del leader conservatore Iván Duque. Avanti nei sondaggi e con un’approvazione finale del 54,07%, Duque ha sconfitto con facilità il favorito della sinistra Gustavo Petro. Quest’ultimo, economista rinomato, ex sindaco di Bogotá ed ex membro dell’organizzazione paramilitare di sinistra M-19, ha comunque ottenuto un risultato inaspettato:41,7% contro il 34% previsto dai sondaggi.

Tra i protagonisti di queste elezioni, sia come soggetto politico sia come oggetto di discussione, si sono distinte le nuove FARC. In seguito all’Accordo di Pace del 2016 l’ex gruppo guerrigliero si è convertito in partito politico col nome di Fuerza Alternativa Revolucionaria del Común, e nonostante non abbia superatolo 0,4% dei voti, in base agli Accordi hanno diritto a 5 seggi al Senato e 5 alla Camera.

Questa garanzia, rappresentativa di un Accordo che ha focalizzato gran parte dei propri obiettivi sulla “re-inserzione sociale” degli ex guerriglieri, è anche diventata oggetto privilegiato del dibattito politico nel Paese, inaspritosi durante il periodo elettorale. Come riporta il quotidiano The Guardian, la campagna è stata lunga e divisiva, ruotando attorno al tema,ancora caldo e controverso, della pace con le FARC. Continua a leggere