Segretario                                 logo                                 Folco

Home     Redazione     Msoi Torino     Archivio



Russia e Balcani: 7 giorni in 300 parole

ALBANIA

26 novembre. A Peja, in Kosovo, si è tenuto un incontro tra i rappresentanti del governo albanese e di quello kosovaro. Nel corso di questo evento, il primo ministro albanese Edi Rama ha dichiarato di appoggiare la decisione del Kosovo di aumentare dal 10 al 100% le tasse sui prodotti provenienti dalla Serbia e dalla Bosnia. In particolare, Rama ha definito la decisione di Pristina “una giustificata reazione politica al comportamento ostile tenuto dalla Serbia”.

ARMENIA

24 novembre. In vista delle elezioni parlamentari, che si terranno il prossimo 9 dicembre, migliaia di persone hanno manifestato per le strade e le piazze di Yerevan, per esprimere sostegno nei confronti di Nikol Pashinyan, candidato alle prossime elezioni.

Continua a leggere

Arrestato per motivi politici La CEDU si pronuncia sugli arresti subiti da Navalny

Nel corso degli ultimi anni, Alexei Navalny, avvocato e attivista critico del Presidente Putin, nonché leader dell’opposizione russa, ha subito vari arresti ed è stato detenuto per un totale di 172 giorni per aver organizzato o partecipato a manifestazioni politiche non autorizzate e, nel 2013, anche per corruzione. Il dissidente russo si è rivolto alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo per denunciare 7 arresti subiti tra il 2012 e il 2014, che a suo parere sono avvenuti per motivi politici. Continua a leggere

Ultime elezioni presidenziali a suffragio diretto in Georgia Verrà eletto al secondo turno il nuovo Presidente della Repubblica georgiano

Domenica 28 ottobre scorso il popolo georgiano è stato chiamato ad eleggere il nuovo Presidente della Repubblica; tuttavia, solo il 46,7% degli aventi diritto si è recato alle urne. Al termine dello spoglio, la Commissione Elettorale Centrale ha dichiarato che nessuno dei candidati ha raggiunto la maggioranza assoluta. Per questo motivo, l’elezione del nuovo Presidente è quindi rimandata al secondo turno, che dovrà tenersi entro il 2 dicembre. In questa seconda tornata si sfideranno Salome Zurabishvili, che ha ottenuto il 38,63% dei voti, e Grigol Vashadze,che ha invece ricevuto il 37,74%dei consensi. Continua a leggere

Una nuova Guerra Fredda? Salta storico accordo del periodo della Guerra Fredda sui missili nucleari

Sabato 20 ottobre scorso, Donald Trump ha ufficialmente dichiarato che gli Stati Uniti hanno intenzione di ritirarsi dal Trattato sulle forze nucleari a medio raggio (INF), siglato nel 1987 da Gorbachev e Reagan. L’accordo consentì una drastica riduzione dei missili nucleari schierati in Europa e permise di compiere un importante passo avanti verso la fine della Guerra Fredda.

Il presidente Trump ha spiegato che tra le principali ragioni che spingerebbero gli Stati Uniti ad abbandonare il Trattato INF vi sarebbero innanzitutto le (presunte) ripetute violazioni del Trattato stesso da parte della Russia e, in particolar modo, l’esclusione di alcuni Paesi, non firmatari dell’Accordo, come Cina, Iran e Corea del Nord, pericolosamente attivi nel settore del nucleare.

Per chiarire meglio la posizione degli USA, è stato inviato a Mosca John Bolton, consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti. Nel corso del suo viaggio di due giorni in Russia, Bolton ha incontrato il ministro della difesa Sergej Shoigu, il ministro degli esteri Sergej Lavrov, ma soprattutto ha avuto l’occasione di confrontarsi con il presidente Vladimir Putin in persona.

Continua a leggere

Russia e Balcani: 7 giorni in 300 parole

ARMENIA

16 ottobre. Il primo ministro armeno Nikol Pashinyan ha annunciato, in diretta tv, le proprie dimissioni. Al momento della sua elezione, Pashinyan aveva promesso di introdurre una serie di riforme e poi di indire nuove elezioni, le quali dovrebbero, quindi, tenersi entro la fine dell’anno.

 

BIELORUSSIA

11 ottobre. A partire da novembre e per tutto il 2019, la Russia interromperà le forniture di benzina, diesel e nafta alla Bielorussia. Attualmente, tra i due Paesi, è in vigore un accordo che permette alla Bielorussia di importare, ogni anno, milioni di tonnellate di prodotti petrolif

eri grezzi dalla Russia, senza essere sottoposta al pagamento di tasse. Il Ministero dell’Energia russo ha dichiarato che “la situazione è diventata insostenibile per la Russia” e le forniture verranno interrotte finché l’accordo non verrà rivisto.

 

BOSNIA ED ERZEGOVINA

15 ottobre. Confermato l’impegno diretto dell’Unione Europea a proseguire il mandato militare dell’operazione Althea, per sostenere la Bosnia-Erzegovina nel proprio percorso di stabilizzazione e di integrazione europea. La decisione è stata presa al termine di una riunione, che si è tenuta in Lussemburgo, tra i Ministri degli Esteri dei Paesi membri dell’UE.

SERBIA

15 ottobre. “Noi riconosciamo il Kosovo come uno Stato indipendente e sovrano”, così ha risposto Kyle Scott, ambasciatore degli Stati Uniti in Serbia, ad una domanda che gli è stata posta da un giornalista locale. Questa affermazione ha ovviamente provocato malumori tra i politiciserbi. In particolare, il ministro della Difesa, Aleksandar Vulin, ha così commentato: “Se l’ambasciatore avesse fatto questa affermazione di fronte al presidente Vucic, sarebbe stato sbattuto fuori dal palazzo del governo. Kyle Scott ha dimenticato che la Serbia non è una colonia e non dovrebbe calpestarne la dignità”.

Continua a leggere

Uzbekistan, più umanità nei campi di cotone Meno bambini e lavoratori forzati nei campi uzbeki

Il Dipartimento Americano del Lavoro ha pubblicato l’annuale report sui Paesi che sfruttano il lavoro infantile e/o forzato nella raccolta del cotone per la produzione di indumenti. In questo documento, l’Uzbekistan per molti anni è stato inserito nella lista di quei Paesi che, di anno in anno, non hanno riportato alcun miglioramento. Tuttavia, grazie ai notevoli sforzi fatti negli ultimi due anni, nel report del 2017 è stato promosso nella lista dei Paesi che mostrano un moderato miglioramento”. Continua a leggere

Vucic visita il Kosovo Un nuovo capitolo della complicata storia Kosovo-Serbia

Tra Serbia e Kosovo non siamo nemmeno vicini ad una soluzione” è una delle più importanti affermazioni pronunciate da Aleksandar Vucic, presidente della Repubblica di Serbia, durante il suo discorso di sabato 8 settembre a Mitrovica, città del Kosovo del Nord a maggioranza serba. Ed effettivamente, nonostante le tante promesse fatte e impegni presi negli anni, tra Serbia e Kosovo la distanza resta tanta.

In agosto, Vucic aveva annunciato che l’8 e il 9 settembre avrebbe visitato il Kosovo del Nord per illustrare le linee guida della politica serba nei confronti della questione kosovara. Nel frattempo, era stato organizzato per il 7 settembre un incontro tra Vucic e il suo pari kosovaro Thaçi a Bruxelles, sotto la supervisione di Federica Mogherini, Alto Rappresentante dell’Unione per gli affari esteri. Inizialmente, le autorità kosovare avevano rifiutato di autorizzare la visita al lago Gazivoda, poi però, all’ultimo momento, è arrivato il via libera. Nel mentre, il leader serbo aveva ormai deciso di non partecipare all’incontro di Bruxelles. Federica Mogherini ha dichiarato che tenterà di organizzare un nuovo incontro il prima possibile e si è detta convinta che entrambe le parti rispetteranno gli impegni presi, anche se le difficoltà restano.

Alla fine, Vucic ha dovuto comunque rinunciare ad una parte del suo viaggio: infatti, la tappa al villaggio di Banje è stata cancellata, poiché le strade per raggiungere il villaggio sono state bloccate da un gruppo di veterani di guerra kosovari, i quali hanno eretto delle barricate lungo il tragitto.

Continua a leggere

Il nuovo centro di smistamento della droga Le nuove rotte della droga verso i Paesi europei passano per l’Azerbaijan

È ormai dal 2006 che in Azerbaijan si registra un’escalation nel consumo di droga tra la popolazione e dal 2015 la situazione è peggiorata ulteriormente. Ma il problema della droga sta diventando ancora più preoccupante: il Paese, infatti, è oggi uno snodo fondamentale per il traffico della droga che dall’Afghanistan e dall’Iraq raggiunge l’Europa e la Russia. Queste due problematiche, evidentemente collegate, sono, purtroppo, ancora troppo spesso ignorate o, quanto meno, sottovalutate dalle autorità azere e internazionali.

Osservando le statistiche ufficiali fornite dall’Azerbaijan e dalle Nazioni Unite, si può notare come, negli ultimi 10 anni, il numero di persone definite “dipendenti da droghe” in Azerbaijan sia più che raddoppiato. La notizia è ancora più triste se si considera che molto spesso, in questi casi, le statistiche ufficiali fotografano solo parzialmente la realtà. È immaginabile quindi che il numero di tossicodipendenti sia decisamente superiore a quello registrato. Continua a leggere

Il controverso rapporto tra sport e politica nei Balcani Quando il calcio è metafora di conflitto

Da sempre lo sport è uno dei mezzi più efficaci per avvicinare persone e culture diverse, ma anche per favorire l’integrazione e la pace. Tuttavia, nei Balcani, in particolare negli ultimi anni, lo sport si è intrecciato fortemente con la politica, diventando spesso uno strumento di sfogo, che ha fomentato e inasprito le tensioni sociali e etniche dell’area.

Di questo stretto e malsano rapporto tra sport e politica, il calcio fornisce sicuramente gli esempi più eclatanti.

L’ultimo in ordine cronologico risale a pochi giorni fa, durante la partita dei mondiali Svizzera-Serbia. Al momento dell’esultanza, due giocatori svizzeri di origine kosovara, Xhaka e Shaqiri, hanno mimato l’aquila, simbolo della Grande Albania. Per i due calciatori, che, per via della guerra nell’ex-Jugoslavia, hanno dovuto abbandonare il proprio Paese e hanno subito le problematiche derivanti dalla migrazione, il gol è stata l’occasione per un riscatto nei confronti della storia.

Ma il loro gesto ha spaccato in due l’opinione pubblica, e ha riacceso le polemiche e i malumori attorno alla questione mai risolta tra Kosovo e Serbia.

Continua a leggere

Putin-Medvedev: una storia infinita La storia si ripete, Putin Presidente e Medvedev Primo Ministro

I primi rapporti tra Putin e Medvedev risalgono agli anni ’90, quando entrambi erano giovani politici all’inizio della loro carriera che cercavano di affermarsi nella loro città natale, San Pietroburgo. Nel 1999 Putin viene eletto Primo Ministro e chiama a Mosca Medvedev. Quando, nel 2000, viene eletto Presidente, continua ad affidare al vecchio amico nuove cariche pubbliche sempre più importanti, fino a nominarlo, nel 2005, vice Primo Ministro. Continua a leggere