Segretario                                 logo                                 Folco

Home     Redazione     Msoi Torino     Archivio



Africa: 7 giorni in 300 parole

KENYA

19 novembre. Nairobi ha istituito il primo corpo di Guardia costiera della sua storia nazionale. Progettato per contrastare la pesca illegale, aumenterà l’autonomia nazionale nei confronti della Marina statunitense, che continuerà, tuttavia, ad occuparsi della sicurezza marittima e militare delle coste keniote.

21 novembre. Silvia Romano, una volontaria italiana di 23 anni, è stata rapita da un commando di probabile matrice islamista. Il sequestro è avvenuto in seguito all’assalto di un villaggio della contea di Kilifi, dove l’aiuto delle Onlus si è reso necessario a causa delle gravi condizioni di povertà dell’area.

REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO

16 novembre. Almeno 7 peacekeepers ONU e 12 soldati congolesi hanno perso la vita durante uno scontro a fuoco avvenuto con il gruppo islamista Allied Democratic Forces (ADF). I miliziani sarebbero, infatti, particolarmente attivi nel Congo orientale in seguito alla scoperta di un nuovo focolaio di Ebola. Secondo gli osservatori locali il gruppo ostacolerebbe il lavoro delle squadre di soccorso.

TANZANIA

17 novembre. Il presidente John Magufuli ha smentito le voci sulla revoca di un prestito strutturale da 300 milioni di dollari da parte della Banca Mondiale. Qualora questa ipotesi si realizzasse, una delle possibili cause della mancata erogazione sarebbe da identificare nella presenza di una normativa locale che vieta alle donne in gravidanza e alle neomamme di frequentare gli istituti di formazione.

19 novembre. A seguito dell’incontro con Magufuli, il vicepresidente della Banca Mondiale per l’Africa, Hafez Ghanem, ha dichiarato che “il prestito è stato subordinato alla modifica dell’attuale normativa locale” con lo scopo di agevolare l’educazione femminile.

ZIMBABWE

19 novembre. Alcuni medici hanno accusato il corpo di polizia di aver esercitato pressioni in modo che le vittime degli scontri a fuoco, avvenuti con le forze dell’ordine, venissero identificate come “morti per accoltellamento”. I disordini si sono verificati nel corso delle ultime elezioni, le prime a svolgersi senza l’ex presidente Robert Mugabe.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *