Segretario                                 logo                                 Folco

Home     Redazione     Msoi Torino     Archivio



Europa: 7 giorni in 300 parole

FRANCIA

11 novembre. 100 anni dopo la firma dell’armistizio che pose fine alla Prima Guerra Mondiale, molti tra i più importanti leader politici hanno partecipato a una commemorazione svoltasi a Parigi. In un discorso, il presidente francese, Emmanuel Macron, ha lanciato una dura condanna contro il nazionalismo.

GERMANIA

12 novembre. Horst Seehofer, leader del partito di centrodestra (CSU) e ministro dell’Interno, spesso critico verso Angela Merkel, ha annunciato che lascerà la guida del partito, pur mantenendo il proprio ruolo nel governo. L’annuncio è giunto a poche settimane dalla simile decisione presa dalla Cancelliera tedesca.

ITALIA

13 novembre. Si è conclusa la Conferenza di Palermo, intenzionata a chiarire il futuro del processo politico in Libia. Il generale Khalifa Haftar, molto atteso, ha incontrato il premier del governo di unità nazionale della Libia, Fayez al Sarraj, non prendendo, tuttavia, parte alla Conferenza plenaria.

14 novembre. In una lettera indirizzata alla Commissione europea, il ministro dell’Economia Giovanni Tria ha confermato tutti i punti principali del Documento Programmatico di Bilancio italiano, che la Commissione aveva chiesto di rivedere. Il livello di deficit, mantenuto al 2,4%, è il triplo di quanto era stato prospettato dal precedente governo.

POLONIA

11 novembre. A Varsavia, la marcia organizzata da gruppi di estrema destra per celebrare l’indipendenza del Paese si è tenuta parallelamente alla celebrazione ufficiale, promossa dallo Stato. Le due manifestazioni, separate solo da un cordone di polizia in tenuta antisommossa, hanno raccolto nel complesso oltre 200.000 persone.

REGNO UNITO

9 novembre. La Scozia sarà il primo Paese al mondo a inserire la storia del movimento LGBT+ e le attività di sensibilizzazione contro omofobia e transfobia nel programma scolastico nazionale. Lo ha annunciato il ministro dell’Istruzione, John Swinney.

13 novembre. Una bozza di accordo sui termini della Brexit è stata raggiunta, dopo oltre 2 anni di negoziazione tra Londra e Bruxelles. La bozza è stata, infatti, approvata dal cabinet britannico, nonostante le critiche di molti parlamentari. Theresa May ha dichiarato che tale accordo sarebbe “il migliore che si potesse negoziare”.

SPAGNA

13 novembre. Il Ministero dell’Ambiente ha annunciato la presentazione di una nuova proposta di legge che imporrebbe il divieto, dal 2040, alla vendita di tutti i veicoli che utilizzano combustibili fossili. L’iter parlamentare sarà probabilmente lungo, considerato che il partito di governo non ha la maggioranza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *